VISITARE VITERBO

VISITARE VITERBO

Quartiere San Pellegrino Viterbo Piazza degli Alessandri

Quartiere San Pellegrino a Viterbo

 

Viterbo è una cittadina dall’atmosfera medioevale, dove si addentra nelle contrade duecentesche. Si scopre una città dal volto scolpito nella pietra lavica, le piazze con le fontane a fuso, le dimore nobiliari con il “profferlo”, le case a ponte, le torri, le chiese romaniche, le vie lastricate di lastre di peperino. Si esplora un tratto della via dei Pellegrini, la Francigena, che attraversa la città. Le 5 cose più importanti che conoscerai, sono il Quartiere San Pellegrino del XIII secolo, il Museo dei Facchini di S. Rosa, il Palazzo dei Papi costruito tra il 1255 e il 1266, il Duomo di San Lorenzo che da chiesa romanica fu trasformata attraverso i secoli. Il percorso è un viaggio nella storia, nelle leggende, nell’arte e nelle tradizioni viterbesi.

Per visitare Viterbo e la Tuscia chiama delle guide ufficiali esperte e degli storici d’arte con abilitazione di guida. Siamo specializzate per ogni tipologia di gruppo, adulti, scuole, bambini, nelle principali lingue europee. Chiamaci al + 39 3284248738  preferisci l’email? info@artinvistaguideviterbo.com

Il Quartiere San Pellegrino è un esempio raro dell’arte edilizia ed urbanistica medioevale. Le 5 cose più caratteristiche del Quartiere San Pellegrino, sono: le case con il “profferlo”, delle dimore nobiliari con una scalinata esterna che fungeva anche da sistema difensivo all’ingresso della casa, posto al primo piano. Le case a ponte che passano sopra la via, collegando le abitazioni dei due lati della strada. Il Palazzo degli Alessandri, un gioiello architettonico risalente al XIII secolo in piazza degli Alessandri che è il fulcro del quartiere San Pellegrino. Il Museo dei Facchini di Santa Rosa dedicato al Trasporto della Macchina di S. Rosa, Patrimonio Immateriale dell’Umanità. Nel cuore di Viterbo si arriva sul colle, dove oggi sorgono il Palazzo dei Papi e il Duomo. Il colle è il nucleo più antico della città, dove esisteva un insediamento etrusco già nell’VIII secolo a.C., distrutto dai romani. Fu da questo colle che si espanse la Viterbo medioevale, di fondazione longobarda. Il Palazzo dei Papi è un gioiello architettonico eretto tra il 1255 e il 1266 dove si svolse anche un capitolo importante della storia della Chiesa, il conclave più lungo che durò ben 33 mesi (1268-1271). A questo conclave si rilega un’istituzione fondamentale della Chiesa, che regola le norme delle elezioni papali. L’edificio era la residenza dei papi per oltre vent’anni, quando i pontefici spostarono la sede permanente della Curia Pontificia da Roma in Viterbo. Il Duomo di San Lorenzo dal campanile trecentesco in travertino e peperino fu probabilmente consacrato nel 1192 e fu rimaneggiato attraverso i secoli. Tra le varie testimonianze artistiche spiccano 3: i capitelli ispirati all’immaginario etrusco, il fonte battesimale in marmo di Francesco d’Ancona (1470), la preziosa pala d’altare del Salvator Mundi attribuita a Liberale da Verona (1472). Scoprirai però molto di più!

Scopri con noi anche Villa Lante a Bagnaia, il Parco dei Mostri, Tarquinia, Villa Farnese di Caprarola, Civita di Bagnoregio, Tuscania, Sutri, Vitorchiano, San Martino al Cimino, Soriano, Orte

Posted in ITINERARI and tagged .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *